Riflesso di contorni urbani

Come nella complessità dell’architettura, qui si integrano elementi storici e soluzioni nuove, il tutto con particolare attenzione agli spazi interni ed esterni, abbracciati dall’ampia veranda.


La torre del castello visconteo di Trezzo sull’Adda e i tetti della Valverde, centro storico a cui l’amministrazione locale ha rivolto in questi anni un’attenzione particolare di recupero dell’esistente, compongono lo scenario che si ammira dall’abitazione che visitiamo. La casa è un esempio interessante di ristrutturazione di un gruppo di edifici con vincoli storico-artistici, dovuti alla loro appartenenza ad uno specifico intorno ambientale. Il direttore dei lavori, ingegnere Francesco Rolla, si è affidato ad una maestranza di molta esperienza, ormai difficilmente reperibile per certo tipo d’intervento e approdando a dei risultati considerevoli con l’impiego di tecniche costruttive tradizionali. Inalterata la preesistente tipologia a “U” dei corpi di fabbrica, componenti la corte, la casa che consideriamo vi si congiunge tramite l’antico ballatoio, allargandosi in una veranda sullo stesso livello che illumina l’ambiente soggiorno. Ne risulta uno spazio solare e ravvivato dalla presenza del legno, che ricopre il setto divisorio della zona pranzo, dove è inserita la cucina, la capriata centrale e si colora di una lacca verde negli infissi delle porte finestre a persiana. La veranda risulta il tratto d’unione con l’incantevole paesaggio, che il progettista ha sapientemente integrato al contesto, riproponendo stilemi e materiali (travi a vista, tetto a coppi).
La casa si svolge su due piani e un piccolo studiolo è cesura alla scala, rivestita in pietra arenaria, che sale al soggiorno. Il vano serve da atrio delle due stanze da letto, separato da un muretto attrezzato.
Razionale è il lucernario del bagno che rischiara la tromba della scala e il cui disegno si impone come elemento decorativo e antitetico alla compattezza dell’arenaria. La lampada da parete di Tobia Scarpa completa il rigore dell’allestimento.

Lascia un commento