LE VETRATE: UN’ARTE CHE VIVE DI LUCE

Illuminano chiese e cattedrali, simboleggiandola presenza di una luce piena di misticismo; ma sono elementi di fascino e di atmosfera anche per ambienti profani, instaurando rapporti dinamici di compenetrazione tra il vetro, la luce, il colore e le forme e costituendo un focale punto di attenzione nella configurazione arredativa. Si parla qui delle vetrate artistiche.

I metodi per costruirle sono molteplici e danno tutti luogo a rese cromatiche differenti: la scelta è in stretta relazione all’utilizzo della vetrate poichè il risultato del lavoro è intimamente legato alle condizioni du luce che mutano con la posizione, l’ora, la stagione ele condizioni atmosferiche, ogni opera ha una sua collocazione che le è particolarmente congeniale. Le tecniche costruttive della classica vetrata legata in piombo ci vengono tramandate dal Medioevo; solo l’introduzione di nuovi strumenti tecnologici ha modificato i processi dilavorazione, ma l’intero impianto concettuale è stato lasciato intatto con il passare dei secoli. La prima fase della lavorazione concerne la realizzazione della bozza colorata ad acquerello e tempera: il disegno viene riportato a grandezza naturale su cartone con le indicazioni delle linee di piombatura. Una parte di estrema importanza del lavoro è la scelta dei vetri colorati: su appositi schermi luminosi viene verificata pezzo per pezzo la resa cromatica, in modo da non compromettere il risultato finale con accostamenti sbagliati. Una volta accertato che i vari colori sono in sintonia e che i vari elementi del disegno sono tecnicamente realizzabili, si passa alla numerazione dei vari pezzi e al taglio del cartone usato come modello. Dopo queste fasi di accurata preparazione, si giunge ora al taglio dei vetri che vengono poi legati con il piombo, tuttora saldato in modo artigianale con particolari barrette di stagno; due punti sono di particolare importanza: uno riguarda la natura del legante, che non deve intaccare minimamente la composizione del vetro, l’altro la tecnica di saldatura, che artigianalmente non si esegue mediante saldatori elettrici, ma curando la giusta temperaratura della punta riscaldata alla fiamma. Un altro dei segreti per la realizzazione di vetrate artistiche risiede nella stuccatura che, oltre a fissare i pezzi neiprofili di piombo, rende la vetrata rigida ed impermeabile all’acqua: di estrema importanza quindi per quelle vetrate che devono essere collegate su porte o finestre esterne. Un altro metodo impiegato nella loro costruzione è quello detto ‘ a tecnica mista’, dove rimangono inalterati i processi usati per la classica vetrata a piombo, ma in cui l’uso di vetri colorati è sostituito o abbinato a vetri dipinti a mano e poi cotti in forni per migliorarne la resistenza. Esiste infine una tecnica pittorica eseguita direttamente sul vetro colorato trasparente, che può in un secondo momento essere argentato inmodo da ottenere l’effetto di uno specchio dipinto nella faccia posteriore, divenendo quindi perfettamente resistente agli agenti atmosferici o ad azioni meccaniche, come ad esempio la pulitura. Nell’alto grado diprofessionalità di questi artigiani-artisti rientra anche il restauro di vetrate antiche in cui si esplicita al meglio l’esperienza di anni di lavoro e l’approfondita conoscenza di tecniche e materiali.

Lascia un commento